Il tuo otorino a Prato

L’Otorinolaringoiatria è la specialità medico-chirurgica che si occupa delle patologie a carico del distretto testa-collo, sia nel paziente adulto che pediatrico.

Le aree di interesse di tale disciplina sono numerose: naso, cavo orale, orecchio, laringe, ghiandole salivari, collo con estensione anche al basicranio. Data la vastità di tali aree, numerose sono le patologie con cui vengono a contatto gli specialisti ORL.


Otorino: le patologie più frequenti nei bambini

Per quanto riguarda i pazienti pediatrici le patologie più frequenti sono:

  • russamento e apnee notturne da ipertrofia adenotonsillare
  • epistassi (sangue dal naso)
  • otiti medie acute, croniche e ricorrenti
  • faringotonsilliti acute, croniche e ricorrenti

Otorino: le patologie più frequenti negli adulti

Nei pazienti adulti, le patologie più frequenti a livello dei singoli distretti sono rappresentate da:

  • orecchio: otiti medie acute, croniche e ricorrenti; insufficienza tubarica con sensazione di ovattamento auricolare; acufene, ipoacusia (riduzione dell’udito) da cause acute o ad andamento progressivo (soprattutto nel paziente anziano)
  • vertigini e disturbi dell’equilibrio in generale
  • articolazione temporo-mandibolare: disturbi masticatori che possono dare problemi all’orecchio e manifestarsi con acufeni, ipoacusia o otalgia. In questo caso è fondamentale la collaborazione con i colleghi Odontoiatri
  • naso e seni paranasali: riniti acute e croniche, allergiche/non allergiche (vasomotorie), polipi nasali, deviazioni del setto, difetti estetici della piramide e della punta nasale (anche post-traumatici), neoformazioni benigne e maligne della cute del naso e delle fosse nasali, sinusiti acute e croniche
  • cavo orale/orofaringe: lesioni mucose, tonsillite acute/croniche, neoformazioni benigne e maligne
  • laringe: patologie benigne e maligne della laringe e delle corde vocali, disfonia (disturbi della voce), laringite acute o croniche (es. da fumo)
  • reflusso gastro-esofageo: lo specialista ORL evidenzia i segni indiretti del reflusso gastrico, che può manifestarsi, pur in assenza della tipica sensazione di “bruciore” come sensazione di corpo estraneo (“catarro in gola”), bocca amara al risveglio, necessità di schiarire la voce, tosse secca e disfonia.
  • russamento e apnee notturne: da ipertrofia adenotonsillare o da malformazioni del cavo orale
  • collo: patologie a carico di linfonodi, tiroide, ghiandole salivari (neoformazioni benigne e maligne, calcolosi della ghiandola parotide o sottomandibolare)

Otorino: come funziona la visita completa

La visita Otorinolaringoiatrica completa si basa su un esame approfondito sui singoli distretti:

  • esame otoscopico: consente la visualizzazione del condotto uditivo e della membrana timpanica
  • rinoscopia: per valutare le fosse nasali, il setto nasale e i turbinati
  • rinolaringoscopia a fibre ottiche: valutazione delle vie aeree dalla fossa nasale alla laringe
  • palpazione del collo
  • esame audio/impedenzometrico: in caso di patologie dell’orecchio come acufene, sordità, a scopo medico-legale o come certificazione in alcune discipline sportive per la medicina dello sport
  • esame vestibolare: valutazione dell’efficacia del sistema vestibolare nell’equilibrio

Gli esami sono totalmente indolore e ben tollerati dai pazienti, compresi i piccoli pazienti.

Otorino Dott.ssa Bini Belinda

Articolo a cura della
Dott.ssa Bini Belinda

Per informazioni o per prenotare una visita contattaci al numero 0574 606505